Babà


We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

Il babà è uno dei dolci tipici della tradizione napoletana, forse è il dolce tipico napoletano per eccellenza.
Per preparare il babà esistono numerose ricette, quella che vi propongo è la ricetta del babà al rum di mia mamma. Si è soliti pensare che il babà non sia facilmente eseguibile in casa, ma questa è una ricetta davvero semplicissima e di sicura riuscita. Leggevo in giro di usare l'impastatrice o le fruste a gancio... ma vi garantisco che anche con il frullatore normale viene benissimo :)P.S.: Le dosi per la bagna al rum sono indicative perchè sono soggette al gusto personale e le modifico in corso d'opera, una cosa mi sento di dirvi... abbondate con il rum altrimenti non vi gustate il vero babà napoletano!
IO MI SPOSO OGGI!!!!!!! Ragazzi ci vediamo il 17 Luglio. Baci e grazie a tutti per gli auguri :****

Procedimento

Come fare il babà al rum

In una ciotola molto ampia mettete le uova, lo zucchero, la margarina , il sale e il lievito di birra.

Con uno sbattitore lavorate il tutto per una decina di minuti.
Aggiungete ora la farina setacciata e continuate a lavorare l'impasto
Lavorate l'impasto del babà fino a che diventi elastico e si stacchi completamente dalle pareti della ciotola.

Imburrate ora la teglia per il babà e disponete l'impasto al suo interno in modo omogeneo.
Lasciate riposare con un coperchio posto sulla superficie della teglia per 3 ore circa, fino a che l'impasto non sarà arrivato ai bordi della teglia.
Trascorso il tempo di lievitazione, infornate in forno già caldo a 220°C gradi per 30 minuti.


Il babà sarà pronto quando la superficie e la parte interna dello stampo saranno dorate.

Nel frattempo preparate il bagno facendo bollire per 20 minuti circa l'acqua e zucchero con una buccia di limone tagliata a spirale .
Quando lo sciroppo sarà pronto, aggiungete il rum.

Bucherellate tutta la superficie del babà ormai tiepido con uno stuzzicadenti
Versate lo sciroppo al rum sulla superficie del babà con un mestolo.
Inclinate lo stampo e far fuoriuscire lo sciroppo in eccesso e con quello continuate a bagnare il babà ripetutamente fino a quando il dolce lo assorbirà tutto.

Lasciate riposare il babà 2 ore per in frigo prima di capovolgerlo su un piatto da portata e servirlo guarnito con della panna montata.

Tagliate a fette il babà al rum e servite.


Baba' al rum

La cucina partenopea è una tra le più apprezzate in tutto il mondo. I suoi segreti affondano le radici nella storia dei differenti popoli che l'hanno influenzata. Ne sono esempio la pizza, il sartù, gli struffoli e poi la ricetta di oggi: il babà. Il babà al rum è un dolce che si rifà al gugelhupf, una sorta di ciambellone, che risulta molto asciutto. L'aggiunta dell'inzuppatura, come si fa per il savarin francese, ne ha caratterizzato una migliore consistenza al palato e perciò un dolce più apprezzato. Il babà al rum viene servito intriso di una deliziosa bagna al rum che può essere impreziosita anche da altri aromi e persino crearne una al limoncello.
Il babà al rum non solo rappresenta uno dei dolci simbolo della pasticceria napoletana ma è considerato anche un vero e proprio dolce da passeggio, alla stregua della sfogliatella riccia o frolla. Com'è possibile? Molto semplicemente! In giro per il centro di Napoli potrete trovare delle pasticcerie che vendono il babà classico, o guarnito con panna e fragole o crema e amarene, in comodi bicchieri da passeggio. Anticamente invece si usava gustare il babà al rum seduti a tavola o al massimo in piedi con il classico vassoietto di cartone. Insomma è proprio vero, l'espressione napoletana "si comme a 'nu babbà" è un complimento fantastico! Ora non vi resta che mettervi ai fornelli e realizzarlo insieme a noi per farvi fare altrettanti complimenti!

Provate anche la versione salata con salsiccia e friarielli!


Babà napoletano

Babà napoletano, ricetta deliziosa per preparare il classico Babà al rum come l’originale che troviamo a Napoli! Il babà è un dolce simbolo di Napoli e il fiore all’occhiello della pasticceria napoletana. Come si fa a non amarlo?

Il babà, nella sua ricetta originale, prevede una consistenza simile ad una spugna, in modo che assorba la bagna al rum. E non vi dico che soddisfazione quando vedrete crescere la cupolina dopo la lievitazione, oppure quando immergerete il baba’ nel rum, strizzandolo come una vera spugna! Davvero magico!

Il Babà napoletano è un dolce che ti conquista al primo morso: la sua sofficità, la sua leggerezza, il rum che lo rende bagnato e goloso, e poi… la crema pasticcera e le amarene che lo rendono ancora più straordinario. D’altra parte c’è un motivo per cui si dice “Tu si ‘nu babbà”, per intendere che sei un tesoro. In dialetto napoletano babà si dice babbà! E poi ve la ricordate la canzone di Marisa Laurito (Sanremo 1989)? Un vera ode al vero Babà napoletano!
“Il babà è una cosa seria…Cu ‘o babà nun se pazzea
è una cura che fa bene…’O babà nun po’ ingannà.
Il babà è come il ciucciotto la coperta di Linus.
Se cercate un antistress… Accattateve ‘o babà “

Per la ricetta del Baba’ originale devo ringraziare Adriano del blog “Profumo di Lievito”, bravissimo panificatore ed esperto di lievitati, napoletano DOC del quartiere del Vomero. Chi meglio di lui mi poteva far realizzare il Babà napoletano?

La ricetta non è facilissima, richiede particolare attenzione per l’impasto, che deve essere realizzato a regola d’arte, meglio se con una planetaria. Poi seguiranno le fasi di lievitazione, anche se non troppo lunghe. Ma sicuramente ne vale la pena, se volete realizzare il vero Babà al rum!


Babà, ricetta classica

PER I BABÀ
Sbattete leggermente le uova e mescolatene metà con metà del burro, molto morbido. Sbriciolate il lievito di birra nella farina e impastatela con il composto di uova e burro e il resto degli ingredienti fino a ottenere un impasto omogeneo copritelo con un telo e fatelo riposare per 30 minuti a temperatura ambiente, quindi trasferitelo in una tasca da pasticciere.
Imburrate una dozzina di stampini troncoconici (ø 5 cm) e riempiteli fino a metà della capienza disponeteli, ben distanziati, in una teglia, lasciate lievitare per 1 ora e infine infornate a 190°C per 25 minuti circa.

PER LA BAGNA E LA GLASSA
Scaldate dolcemente lo zucchero con 800 g di acqua e una scorza di limone al bollore aggiungete il rum e spegnete.
Preparate la glassa: setacciate la marmellata di albicocche e scaldatela in un pentolino stemperandola con 70 g di acqua.
Immergete i babà nello sciroppo caldo aiutandovi con una schiumarola, scolateli e trasferiteli a sgocciolare su una griglia posata su un vassoio. Lasciateli raffreddare e poi spennellateli con la glassa.


Babà salati

Il babà è un tipico dolce napoletano, che qui ti presentiamo in variante salata. I babà salati possono essere degli ottimi stuzzichini da servire all'aperitivo, accompagnati da affettati e formaggi di vario genere, oppure come antipasto.

Rustici, morbidi e saporiti, sono perfetti per buffet, cene con amici o parenti e per presentare una tavola golosa in previsione delle festività natalizie e non solo. La provola e il prosciutto crudo li rendono particolarmente saporiti e profumati e lasceranno gli ospiti piacevolmente stupiti. Scorri la ricetta step by step.

Prepara l'impasto. Trita il prosciutto con un coltello affilato. Sciogli il lievito nel latte tiepido. Forma la fontana con la farina in un'ampia ciotola e versa il latte al centro. Unisci le patate schiacciate, il burro fuso, l'uovo, il parmigiano reggiano e comincia a impastare. Dopo qualche minuto, aggiungi il formaggio a dadini molto piccoli e il prosciutto tritato al tutto. Continua a impastare.

Fai i babà. Lavora bene, per ottenere un impasto elastico ma non colloso o troppo compatto. Trasferiscilo in una ciotola, coprilo con pellicola e mettilo in frigo per 12 ore. Riprendi l'impasto e dividilo in 12 palline uguali. Imburra gli stampini e sistema una pallina in ciascuno stampo. Lascia lievitare i babà per 2 ore abbondanti, finché l'impasto raggiunge il bordo degli stampi.

Cuoci e servi. Disponi gli stampini su una placca e cuocili in forno già caldo a 180° gradi per circa 30 minuti o finché i babà risulteranno gonfi e ben dorati.

Sfornali, lasciali intiepidire negli stampini e sformali, con delicatezza, passando la lama di un coltello tutt'intorno allo stampo. Servili tiepidi con salumi e formaggi.


Consigli per fare il babà senza planetaria

Il babà napoletano fatto in casa senza planetaria necessità di una certa manualità per lavorare a regola d’arte l’impasto. Il nostro consiglio, o meglio, il trucco del mestiere da utilizzare in questo caso è quello di sbattere letteralmente l’impasto. Ossia: lo si prende con una mano e lo si lascia cadere dentro la ciotola o sul piano di lavoro ripiegandolo poi su se stesso. Ripetendo questa procedura, l’impasto si idraterà nella maniera ideale distribuendo tutti gli ingredienti in modo omogeneo. In linea più generale, quando si impasta a mano masse così morbide, è importante la lestezza delle mani nel maneggiare l’impasto. Un piccolo trucco è quello di inumidirsi le mani così da non permettere all’impasto di attaccarsi e di scivolare via rendendo questa fase della lavorazione più semplice.


Babà - Ricette

Per ottenere ottimi risultati e stancarvi di meno, vi consiglio di usare l'impastatrice. Potete prepararlo con due/tre giorni di anticipo e conservarlo in frigorifero. All'ultimo momento guarnitelo. A Napoli il Babà classico lo si serve nature, senza aggiunte di panna, crema, frutta, ecc. Nel passato i grandi cuochi facevano crescere l&rsquoimpasto 5 &ndash 6 volte in modo da ottenere cavità interne sempre più grandi e consentire quindi un assorbimento più copioso di sciroppo al rhum che deve essere di ottima qualità.
Con questa ricetta ho partecipato alla 11ma edizione di Scuochi: Gualtiero Marchesi l'ha giudicata "perfetta"! Guardate anche il video con il suo giudizio.

Per 6 persone

Per il babà:

  • 300 g di farina
  • 2 dadi di lievito di birra
  • 3 uova intere + 3 tuorli
  • 1 cucchiaio di zucchero
  • 1 pizzico di sale
  • 1 tazzina e mezza da caffè di olio di oliva
  • Panna spray per guarnire
  • Fragole per guarnire

Per lo sciroppo:

  • 1/2 litro di acqua
  • 100 g di zucchero
  • buccia di un limone non trattato
  • 2 bicchieri di rhum rosso

Per la glassa:

Con l'aiuto dell'impastatrice lavorate tutti gli ingredienti del babà fino a quando otterrete un impasto omogeneo che si stacca in un sol pezzo. Se siete senza impastatrice dovete lavorare a lungo, circa 15 minuti, sbattendo l'impasto con le vostre mani per ottenere il medesimo risultato. Rovesciate l'impasto in uno stampo rotondo per torte (circa 30 cm di diametro con un buco centrale) cercando di non romperlo e sigillandone bene le due estremità. Fatelo poi lievitare in un ambiente caldo e senza correnti per circa un ora fino a quando l'impasto avrà raggiunto l'orlo dello stampo.
Infornate nel forno preriscaldato a 190 gradi per circa 20 minuti, il tempo necessario al babà per cuocere sia internamente che esternamente. Quando è ancora caldo bagnatelo con lo sciroppo al rhum che avrete ottenuto facendo bollire l'acqua con la buccia del limone fresco, solo la parte gialla, lo zucchero fino a quando risulta ben sciolto. Fuori dal fuoco aggiungete il rhum.
Fate raffreddare per tutta la notte in frigorifero nella sua forma ricoperta con pellicola trasparente. Il giorno dopo prendete il piatto di portata e rovesciateci sopra il babà che ribagnerete, aiutandovi con una siringa con dell'altro sciroppo al rhum ben caldo. Il babà deve risultare molto bagnato. Per ultimo scaldate la gelatina di albicocca con lo zucchero fino a quando quest'ultimo si sarà ben sciolto. Versatela sul babà e con l'aiuto di un pennello spalmatela in modo da ricoprirlo tutto. Guarnite poi a piacere con le fragole e la panna montata. Di solito la panna va dentro il buco centrale del babà e le fragole tutto intorno al suo esterno.


Le ricette della Prova del Cuoco ed É sempre mezzogiorno

In una planetaria attrezzata con il gancio, mettete tutti gli ingredienti tranne le uova ed il burro. Iniziate ad incorporare le uova, una per volta, alternando con il burro e iniziate la lavorazione per far assorbire la farina.

Le uova devono essere assorbite bene dall’ impasto. Se si aggiungono le uova tutte insieme e troppo presto l’impasto diventerà troppo liquido ed i babà non verranno

L’impasto del babà va lavorato a lungo per raggiungere la giusta elasticità. Sarà pronto quando, tirandolo, si allungherà senza spezzarsi.

Quando la farina si sarà del tutto assorbita, aumentate la velocità e impastate per circa 10 minuti la pasta. Alla fine l’impasto dovrà risultare elastico, liscio ed omogeneo.

Formate delle piccole palline di pasta e adagiatele in forme di alluminio per babà imburrati, riempendo la forma meno della metà.

Lasciate lievitare la pasta fino al bordo ed infornate a 180°C per circa 12-15 minuti. Quando il babà avrà un bel colore dorato, tiratelo fuori dal forno e lasciatelo intiepidire.

Per la bagna, fate bollire l’acqua con lo zucchero e la buccia di limone per circa un minuto. Lasciate raffreddare fino a una temperatura di circa 40°C e unite l’aroma alimentare al rhum.

Immergete nella bagna i babà capovolgendoli di tanto in tanto. Dopo circa 20 minuti, toglieteli dallo sciroppo facendo colare il liquido in eccesso.

Premete leggermente con la mano il babà e tuffatelo nella bagna dopodiché allentate la pressione: il babà assorbirà il liquido come una spugna.

Sistemate i babà sopra un piatto da portata, decorate e servite a 4°C.

Video della ricetta Babà

Se volete vedere il video della ricetta Babà di Sal De Riso proposta all'interno della nuova edizione della trasmissione di cucina La Prova del cuoco in onda su RaiUno, qui di seguito trovate il link per la visione.


Babà - Ricette


Non avevo mai postato la ricetta perché è un dolce che non faccio spesso, troppo lunga la preparazione e molti i rischi di insuccesso, quando è così preferisco comprarlo in pasticceria visto che a Salerno quasi tutte fanno un signor babà.
Questo l'ho preparato nelle feste di Pasqua con uno stampo nuovo nuovo che mi è stato regalato, sono abbastanza soddisfatta del risultato e lo condivido.

Ingredienti
per il babà:
225 g di farina
3 uova
70 g di burro
35 g di zucchero
mezzo cubetto di lievito di birra
2 cucchiai di latte
un pizzico di sale
per la bagna:
500 ml d'acqua
250 g di zucchero
250 ml di rum (meno se non lo volete troppo alcolico)

Io ho preparato l'impasto nell'impastatrice ma potete usare anche le fruste elettriche.
Nella ciotola dell'impastatrice sciogliete il lievito nel latte tiepido, aggiungete lo zucchero, le uova e sbattete con la foglia per circa 5 minuti. Unite la farina e impastate per altri 5 minuti fino a che l'impasto non si staccherà dalle pareti. A questo punto unite il burro ammorbidito ed il pizzico di sale e continuate ad impastare con il gancio per almeno 20 minuti, l'impasto deve diventare elastico come un chewing gum, si deve tendere ma non strappare .
Versate l'impasto in uno stampo imburrato pareggiandolo bene.

Coprite con un telo pulito e lasciate a lievitare in un luogo tiepido, al riparo da correnti d'aria per circa due ore o fino a quando il composto arriverà ad un centimetro dal bordo dello stampo.

Nel frattempo preparate la bagna facendo sciogliere sul fuoco l’acqua con lo zucchero. Appena intiepidito unite il rum e mescolate.
Infornate il babà in forno caldo a 180° per circa 25 minuti fino a doratura, verificate la cottura con uno stuzzicadenti.
Togliete il babà dal forno e sformatelo dopo 5 minuti. Lasciatelo riposare per 15 minuti.

Trascorsi i 15 minuti, rimettete il babà nello stampo, bucherellate la superficie con uno stuzzicadenti, in modo da favorire l'assorbimento della bagna, e con un piccolo mestolo o un cucchiaio versate lo sciroppo sulla torta aspettando che sia assorbito il liquido prima di aggiungerne altro. Continuate fino a quando premendo con un dito la superficie del babà fuoriuscirà dello sciroppo.

Lasciate riposare il babà un paio d'ore prima di servirlo decorato a piacere con panna montata e ciliege sciroppate, è ottimo anche "da solo"!


Babà al rum

I babà al rum, o babbà, sono ​dolci della pasticceria napoletana tradizionale, soffici, liquorosi e dall'inconfondibile forma a fungo. Un dolce delle feste che potrete preparare anche in casa, seguendo gli step illustrati di questa ricetta e offrire ai vostri ospiti una vera leccornia.

ESECUZIONE RICETTA MEDIA
PREPARAZIONE 40 MIN
COTTURA 13 MIN
LIEVITAZIONE 30 MIN
LUOGO RIPOSO FRIGORIFERO
RIPOSO 60 MIN
PORZIONI 15 PORZIONI
  • PER I BABÀ
  • 125 g di farina
  • 50 g di burro
  • 2 uova intere (grandi)
  • 1 tuorlo
  • 15 g di latte
  • 15 g di zucchero
  • 15 g di lievito di birra
  • un pizzico di sale
  • PER LO SCIROPPO
  • 500 g di acqua
  • 250 g di zucchero
  • 250 g di rum
  • 1 limone
  • PER DECORARE
  • marmellata a piacere

I babà al rum sono i dolci liquorosi più celebri della tradizione napoletana, anche se in realtà le loro origini sono lontane da Napoli, infatti fu il re di Polonia Stanislao Leszcynsky, in esilio in Lorena, a voler aggiungere lo sciroppo al rum al dolce tipico della zona, il Kugelhupf. Così nacquero i babà: il nome deriva dalla passione del re per la figura di Alì Babà. E, attraverso i cuochi francesi, questo dolce arrivò anche a Napoli dove spopolò.

Non fatevi scoraggiare dal prestigio e dalla fama di questo dolce, l'esecuzione della ricetta dei babà al rum non è difficile e l'impegno profuso nel realizzarla, sarà sicuramente compensato dal grande successo che otterrete con i vostri ospiti.

Il babà si presta a diverse varianti, nelle dimensioni - che vanno dai mini babà al babà grande come una torta - nella bagna che può essere a base di rum, limoncello o di sciroppo alla frutta, solo leggermente alcolico. Molto invitante è anche il babà farcito di panna o crema pasticciera.

Se amate la pasticceria partenopea, non perdete l'occasione di provare a realizzare le ricette delle sfogliatelle, della pastiera o delle delizie al limone.


Video: ricetta babà, recipe Babà (Luglio 2022).


Commenti:

  1. Shaktill

    Lo accetto con piacere.L'argomento è interessante, parteciperò alla discussione. Insieme possiamo arrivare alla risposta giusta. Sono sicuro.

  2. Bendision

    È un pezzo notevole, molto utile

  3. Krisoijn

    In esso qualcosa è. Molte grazie per l'aiuto in questa materia. Non lo sapevo.

  4. Bashshar

    Noteworthy, it's the precious phrase



Scrivi un messaggio